La nuda proprietà

L’acquisto di una casa in tale periodo che è caratterizzato da una grande crisi economica, non è certamente semplice. Il mercato relativo alla compravendita immobiliare presenta varie soluzioni che potrebbero andare incontro agli acquirenti futuri in una complicata fase pure per l’accesso al credito.

Fra tali alternative c’è in primis la nuda proprietà, che negli decenni ha permesso contratti immobiliari interessanti. Ecco le informazioni relative alla nuda proprietà.

Il concetto di nuda proprietà si riferisce al valore dell’immobile decurtato dall’usufrutto. Dunque, quando si vende la nuda proprietà vuol dire che si pone sul mercato l’immobile di proprietà, preservando però per sé il diritto di viverci per l’intera vita. Il proprietario sarà definito usufruttario e vende la nuda proprietà, mantenendo il diritto di poterne godere l’utilizzo per l’intera vita oppure entro un dato periodo di tempo. Si potrà affittare la casa o vendere l’usufrutto ad altre persone, col rispetto sempre dei limiti dei termini considerati nel contratto di vendita. Nel caso dell’usufruttario si ci potrà trovare di fronte ad una sola persona ma anche di fronte una coppia di coniugi. In genere si tratta di persone anziane che non hanno eredi che vogliono ricevere liquidità dalla vendita della casa, senza però fare rinuncia ad abitare nella casa propria.

L’acquirente viene definito nudo proprietario perché gode del diritto di proprietà dell’immobile ma non potrà usufruirne. Potrà trasferire a terzi la nuda proprietà della casa acquistata. In genere si preferisce l’acquisto di un immobile con questa soluzione, perché si sceglie una soluzione abitativa futura di un figlio, quando morirà il venditore.

Il Diritto Civile va ad indicare come intera piena proprietà un immobile da usare a proprio piacimento. La proprietà è intera quando il bene appartiene completamente e non ci sono ulteriori proprietari. La proprietà è piena se si hanno tutti i diritti sull’immobile che si possiedono, ovvero sia nuda proprietà che usufrutto.

Per il calcolo del prezzo di vendita di un immobile in nuda proprietà occorrerà affidarsi ad una perizia professionale. Sarà difatti stabilito il valore del mercato dell’immobile a cui sarà applicato un coefficiente variabile a seconda dell’età dell’usufruttario, in base ai valori redatti in modo periodico dal Ministero delle Finanze, che si basano sulle statistiche relative alle aspettative di vita in Italia e sul tasso di interesse che è in vigore. Più sarà anziano il venditore, superiore sarà il valore della nuda proprietà e superiore sarà la tassazione in previsione dall’atto di compravendita.